Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 25225 - pubb. 01/05/2021

Sovraindebitamento: mancata presentazione della dichiarazione dei redditi ed esdebitazione dei creditori anteriori che non hanno presentato domanda di ammissione alla procedura

Tribunale Milano, 17 Febbraio 2021. Est. Rossetti.


Sovraindebitamento – Liquidazione del patrimonio – Mancata presentazione della dichiarazione dei redditi – Conseguenze – Creditori anteriori che non hanno presentato domanda di ammissione al passivo – Esdebitazione – Limiti


La mancata presentazione della dichiarazione dei redditi costituisce atto in frode nei confronti dell’erario, in quanto ostacola e ritarda ritarda la possibilità e la tempestività dell’accertamento dovuto.

Poichè l’art. 14 terdecies l. 3/2012 non si occupa dei creditori anteriori all’apertura della procedura di liquidazione che non hanno presentato la domanda di ammissione al passivo, con riferimento alla eventuale esdebitazione di tali posizioni, è possibile prospettare tre ipotesi:

(i) i crediti anteriori non insinuati sono esclusi dall’esdebitazione e devono essere pagati integralmente;

(ii) i crediti anteriori non insinuati sono per ciò solo integralmente esdebitati;

(iii) i crediti anteriori non insinuati sono esdebitati nei limiti in cui lo siano tutti gli altri creditori anteriori ammessi al passivo.

Di tali soluzioni si ritine preferibile quella che, in applicazione analogica dell’art. 144 l.f., consente di ritenere operante l’esdebitazione di tali debiti “per la sola eccedenza alla percentuale attribuita nel concorso ai creditori”. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale